lunedì 9 giugno 2008

On fìo-o solo e anca ébate

Mi arriva questa mail divertente con le tipiche frasi che un genitore veneto suole ripetere al proprio figlio in modo da frustrarne lo spirito ribelle adolescenziale. Non si tratta di luoghi comuni, testimonio che almeno una decina mi sono state rivolte personalmente e tutte le altre le ho sentite proferite dai "veci" di miei amici (ero presente, lo ribadisco). Quelle me le sono risparmiate perché più di tanto non ho mai bevuto, né fumato. Non sono figlio unico ma è possibile che abbia sentito pure quella del titolo, almeno fino ai 7 anni :D.

  • Bocia, gambe in spàea e caminare!
  • Vara che te scavesso e gambe sora i danoci...
  • Vara che te cambio i conotati!
  • Vara che quea xè ea porta...
  • Mi a to età saltavo i fossi par longo!
  • Mi a to età jero xà stufo de lavorare
  • Desso ti te ve farte el libreto de laoro!
  • Tajate i caveji che te fe afàno!
  • Tajate i caveji che te ghe i peoci co a patente ormai...
  • Te vorìa on poca de russia a ti...
  • Xè mejo che te scampi co tute e gambe che te ghe...
  • Te poi piansare in greco, tanto no teo compro.
  • No sta strassinare i pìe.
  • No sta savatàre.
  • No sta fare che vegna là to pare!
  • Omo avisà ......TUTO salvà!
  • Vara che te sì in oro...
  • Vara che te riva na man roersa!
  • Vara che te meto in coèjio!!!
  • Questa xè a casa dea asagna.... Chi che no laora no magna!
  • Gheto proprio ciapare esempio dai pì stupidi.......
  • Bon da gnente come el paltan!
  • Varda el trio paloma: dò inseminii e uno in coma!
  • Magna e tasi!
  • Vergognate che xè ora!
  • No te te vergogni mia!!!
  • Dai, disi qualcosa!!!!!.. Prova parlare se te ghe corajo!!!
  • Ma sito inseminio!
  • Stame distante...
  • Vàrdama co te parlo!
  • Va via prima che te copa!
  • Gheto sentio queo che te go dito!!!!
  • Xè soeo che i criminai che sta in giro a note...
  • I to amissi no ga mia na fameja?
  • Ma mi credito che fabbrica i schei de note?
  • Gheto fumà ea droga?
  • Jèrea aranciata quea che te ghe vomità sta note?
  • A te me pari spirità!
  • Varda che luni xè un giorno lavorativo.
  • Va in stramona!
  • Varda che giro el manego dea scoa
  • Come che te gò fato te desfo
  • Varda che me cavo nà savata
  • Gheto bisogno de un moreto che te staga drio e che'l rancura e strasse ?
  • Te sito petenà?
  • Varda che te tendo
  • Te pare e ore de rivare ?
  • Te vedarè quando che no ghè sarà più ea serva
  • Cò moro mì te mori dala fame
  • Và pian co chea moto
  • Vèstate che te ciapi el snaro
  • Cavate e scarpe prima de n'dare sù pae scae
  • Ancora te cambito ?
  • Almanco ea roba onta butea lavare, te ghè strasse dapartuto in camara
  • Come che te vè fora dala porta a buto un fuminante in te chea camara
  • N'antro paro de scarpe te te sì comprà ?
  • Faremo nà camara solo pae scarpe
  • Non stà bevare vin a stomego vodo (riferio al spriss in bar)
  • Cossa veto fare in te chel bar pien de onti semrpe coa cica in boca?
  • Te pari bon ala to età farte vèdare là da tuti quei che me conosse....
  • Co te passi là davanti te senti sempre nà spussa..ma cossa fùmei?
  • Cò chee quatro sbuderate coj fioi all'asìo e ore in bar co goto da nà parte e cica da staltra
  • Co vien casa to pare gheo digo
  • Non xè miga ora che te vaghi lavorare?
  • Sbassa chea teevision senò fasso dò tochi.
  • A gò un fiolo solo e anca ebete!!!

18 commenti:

rantasipi ha detto...

Da morire! :D Però ne manca una da antologia:

"Fate gato che ea coa te 'a ghé.

Se me ne vengono in mente altre le riporto.

ah... mio padre soleva ripetermi come un mantra anche questa:

ognuno se para vie e mosche co ea so coa.

Zambo ha detto...

Direi che la piu' terrificante e' sempre:
"Vara che te meto in coèjio!!!"

Specie se poi si avvera, vero Orso??

rantasipi ha detto...

Una volta mio padre, "profondamente turbato" per il fatto che avevo iniziato a frequentare il figlio di un parlamentare vicentino esponente dell'allora sinistra DC mi disse:

"Ghe ne riparlemo (di cosa non ricordo) quando che te ghea moaré de 'ndare in giro coi esaltati del centrosinistra".

Scoprii anni dopo che quella definizione probabilmente proveniva dal film "Signore e signori" di P. Germi, girato nel '65 a Treviso.

Gino Magnalarana ha detto...

Frasi che stiamo prontamente insegnando al bulgaro in modo che possa gridarle ai passanti (condite da saporite bestemmie). Io invece mi sento discriminato perchè non ho un dialetto, quasi non ho neanche una lingua e forse non ho neppure una nazione.

Yoshi ha detto...

a ripensarci, quella del collegio mi mette paura ancora adesso :)

Orso von Hobantal ha detto...

Da piccolo il collegio me l'immaginavo come una sorta di anticamera dell'inferno, punizioni corporali e via dicendo. Entrandoci, a 19 anni suonati non solo ho scoperto che era effettivamente così, ma che lungi dall'essere un'istituto di riabilitazione ne era la sua perversione. Ne sono uscito privo di ogni purezza, moralità e verginità.

Orso von Hobantal ha detto...

"Fate gato che ea coa te 'a ghé."
Terribile. Costerebbe anni di analisi se gli stessi genitori che la proferiscono non insegnassero fin dalla tenera età di diffidare da pissichiatri e pissicologi.
A me dicevano la meno equivoca "sbranina e coa de volpe" o "fa colassion coa sbranina invesse dei quei grani boni sol pal can che te meti rento el late"

H.I.M. ha detto...

Non erano i miei a dirmi quella cosa; la disse il capoturno della DeRoMa, dove d'estate andavo a guadagnarmi le vacanze, ad uno, diciamo così, non proprio acuto.

"Sbranina e coa de volpe", invece, è un evergreen che credo non dovrebbe usato con parsimonia in nessuna famiglia. La sbranina ha effetti miracolosi. :)

RanTasipi

Astrolabio ha detto...

vi dirò che capisco meglio il portoghese o il ladino.

Anonimo ha detto...

Concordo con astrolabio. Non avendo altro dialetto che l'italiano, poi...

Con un po' di impegno qualcosa si capisce... ma prendere granchi è facile...

Ho un figlio solo e pure scemo
Abbassa quella televisione o la sego in due
Non è mica ora che vai a lavorare
...

Mi fermo a Co vien casa to pare gheo digo che è incomprensibile...

LF

rantasipi ha detto...

L'Italia è una e indivisibile!

statominimo ha detto...

Bellissime! :-D
Tante nemmeno le conoscevo ... e si che sono veneto da decinde di generazioni :-D

Orso von Hobantal ha detto...

"Co vien casa to pare gheo digo"
Quando arriva tuo padre glielo dico.

Mi sembra un po' tendente all'orientale, questo dialetto. Tutte le "l" mute, mancanza della costruzione interrogato (un paio le ho ritoccate "Ti te ghé sempre ciapere esenpio dai pì stupidi?" non mi suona proprio come domanda, voglio il "Gheto". Ma ero convinto che dalle parti di Venezia e Treviso "Varda" si dicesse "Ara"..

Zamax ha detto...

Dalle parti di Venezia proprio no. In provincia di Treviso, progressivamente, da sud a nord si passa, ma non sempre, dal "varda" al "vara" al "ara", specie quando si parla veloce.

"Gheto" in provincia di Treviso si dice spesso "ghetu" o "gatu". Io (zona Montebellunese) dico "gatu".

Ismael ha detto...

L'esempio dei più stupidi; la minaccia del collegio e di dar fuoco alla stanza...ahhh, i ricordi di gioventù. Certo che tutto il Veneto è paese, però. Anche se a Verona le elle di pronunciano in tutta la loro rotondità e la zeta dolce domina incontrastata, s'intende.

Nailor ha detto...

Un'altra frase commovente che soleva ripetermi mio padre era "Passi lunghi e ben distesi".
Oppure "ciapa un camion de sabia, ogni graneo tiro tre porchi" o "te moeo na s-ciafa che te cavo i sentimenti".
Aaaah, quanti bei ricordi! :P

Anonimo ha detto...

Mitiche, mia madre è veneta gli ho telefonato e gliele ho lette siamo morte dal ridere, le stampo sono un must.
Liberaliperisraele

Anonimo ha detto...

Aggiungo qualche classico:
no stà corare coe forfe in man ca tete copi!.
Tradotto: Non correre con le forbici in mano che ti ammazzi.
Te si on mona !
Tradotto: sei un mona !
Vara che te cresemo!
Tradotto: guarda che ti cresimo (=bastono)